MECCANICA ONLINE

Il business network per la meccanica italiana

Pubblica il tuo articolo

Un articolo per la tua attività


Meccanica Online è il primo network interamente dedicato alle imprese e ai liberi professionisti del settore meccanico.

Offriamo la possibilità di inserire gratuitamente un articolo descrittivo della tua azienda.

Pubblica il tuo annuncio

Pubblicizza il tuo prodotto, espandi il tuo business


La sezione Annunci rappresenta un'opportunità per espandere il tuo business condividendo progetti, idee e proposte di collaborazione.

Le aziende hanno la possibilità di pubblicare news riguardanti nuove offerte, promozioni, servizi, prodotti, ecc.

Accedi al database

Libero accesso al database di Meccanica Online.


Una volta registrato potrai accedere al database aziende di Meccanica Online.

Nel nostro database sono presenti centinaia di imprese meccaniche e di altri settori, ognuna di esse fornisce dettagli riguardanti servizi e prodotti offerti, informazioni di contatto e articoli descrittivi.

Registra azienda

Effettua il login

Nome azienda:

Password:

Ricordami 

Offerte di lavoro

Foto dalle aziende

       
il 23/7/2008 15:58:33
Le aziende italiane e l'internazionalizzazione

Business

  L'internazionalizzazione è il termine tecnico che serve a indicare il trasferimento all'estero di attività economiche da parte delle imprese.

Recentemente l'Istat, l'Istituto nazionale di statistica, ha pubblicato un interessante studio su questo fenomeno. In base ai dati diffusi, nel periodo 2001/2006, circa 3.000 imprese italiane (pari al 13,4% delle grandi e medie imprese industriali e dei servizi) hanno dato inizio a processi di internazionalizzazione.


Quasi un'impresa su dieci con almeno 50 addetti ha trasferito all'estero attività o funzioni precedentemente realizzate in Italia, il 7,3% ha sviluppato all'estero nuove attività, mentre il 3,8% ha realizzato entrambe le azioni.

L'internazionalizzazione ha interessato maggiormente le imprese industriali rispetto a quelle operanti nel settore dei servizi. Più scontato il fatto che la dimensione aziendale rappresenta un fattore importante nelle scelte di internazionalizzazione.

Infatti, per il settore industriale tali scelte hanno riguardato il 45,4% delle grandi imprese e soltanto il 14,2% di quelle medie. Alla base della decisione di internazionalizzare, c'è soprattutto la realizzazione di produzioni per nuovi mercati, effettuata dal 67,6% delle imprese che hanno sviluppato processi di produzione all'estero.

Il trasferimento all'estero coinvolge prevalentemente attività o funzioni di supporto realizzate in Italia all'interno dell'impresa (83,9% delle imprese che hanno trasferito all'estero attività o funzioni). Sono inoltre rilevanti anche i processi di sostituzione della subfornitura nazionale con quella estera. I trasferimenti all'estero di attività precedentemente realizzate in Italia all'interno della stessa impresa coinvolgono 1.860 unità, pari all'8,3% delle medie e grandi imprese. Le funzioni più rilevanti trasferite all'estero sono numerose e vanno dal marketing, alle vendite, ai servizi post-vendita, inclusi i centri assistenza e i call center, la distribuzione e la logistica e i servizi amministrativi, contabili e gestionali.

Per quanto riguarda le aree invece, quasi il 55% dei trasferimenti all'estero risulta indirizzato verso Paesi europei. Nell'ambito dei paesi extraeuropei, quote significative di trasferimenti sono dirette verso la Cina, gli Stati Uniti e il Canada.

La riduzione del costo del lavoro è uno dei fattori che più incidono sulla scelta di trasferire all'estero attività o funzioni aziendali: questo fattore è considerato "abbastanza importante" o "molto importante" dal 65,4% delle imprese, la riduzione di altri costi d'impresa e l'accesso a nuovi mercati. Guardando al futuro, il fenomeno dell'internazionalizzazione è destinato ad aumentare.

  Infatti il 6,0% delle medie e grandi imprese dichiara di avere in programma nuovi piani di trasferimento all'estero per il triennio 2007-2009. Anche in prospettiva, risulta confermata la minore propensione all'internazionalizzazione da parte delle imprese dei servizi. I piani di trasferimento riguardano in prevalenza aziende che nel quinquennio precedente non hanno avviato forme di internazionalizzazione.

Per queste imprese, si riduce il peso di alcune destinazioni, quali l'Unione Europea, gli Stati Uniti e il Canada a favore di altre aree quali gli altri paesi europei, l'India e l'Africa. Non mancano tuttavia gli ostacoli: i principali sono i vincoli legali o amministrativi, l'instabilità socio-economica del Paese estero, la capacità manageriale dell'impresa, una valutazione dei costi del trasferimento all'estero superiore ai benefici attesi e l'incertezza sugli standard produttivi internazionali.

Per quanto riguarda la valutazione degli effetti prodotti sull'impresa, i maggiori benefici sono la riduzione del costo del lavoro, il miglioramento della performance complessiva dell'impresa e l'accesso a nuovi mercati. Altri fattori che hanno beneficiato in modo significativo del trasferimento all'estero sono stati la riduzione di altri costi d'impresa e l'aumento della capacità di vendita nei mercati esteri.

Nessun effetto negativo? No, il trasferimento all'estero non ha determinato significativi effetti negativi sui fattori di competitività dell'impresa, come il mantenimento delle conoscenze e competenze al proprio interno, la disponibilità di servizi e la fidelizzazione del consumatore.

Fonte: http://www.tecnologiaindustriale.it/

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news


Altre news
25/11/2013 12:19:42 - Evensi, il nuovo social network mondiale degli eventi
2/4/2013 10:10:51 - Motorgallery, la prima Mostra/Scambio di auto e moto d’epoca italiane a Modena
8/11/2012 10:21:40 - La meccanica aiuta l'Italia a resistere
17/10/2012 15:06:33 - La meccanica guarda all'estero
4/5/2012 12:35:16 - “GILLES VILLENEUVE UN UOMO NELLA LEGGENDA”: A Modena la prima grande mostra a 30 anni dalla scomparsa
1/2/2012 12:46:19 - Motorsport Expotech: da domani il mondo del motorismo sportivo si dà appuntamento a Modena
14/10/2011 15:03:04 - MECSPE 2012: innovazione a tutto campo
9/8/2011 13:20:19 - Export e industria, il boom delle micro imprese
9/8/2011 13:19:17 - Ex Sipe, il tecnopolo diventa realtà: via libera al progetto
27/7/2011 14:13:53 - Classifica italiana: le prime 100 aziende del settore macchine utensili